Ravioli cinesi al vapore

20140324-010301.jpg La cucina cinese è sempre stata una delle mie preferite… finché non sono andata in Cina! Lì ho capito che c’è una differenza abissale tra i piatti proposti in Europa e la cucina tradizionale del posto. Tralasciando gli estremi della cucina cantonese, che potete vedere qui sotto nella versione per turisti, anche l’hot pot (un pentolene di brodo bollente in cui i commensali fanno cuocere piccoli pezzi di carne e verdure) non rientra esattamente tra le mie pietanze favorite.

IMG_1261

Mercato di Pechino

 

I ravioli sono un piatto che appartiene sia alla cucina tradizionale che a quella moderna; qui in Italia sono limitati a poche versioni ma in Cina ci sono ristoranti dedicati solo alla preparazione dei dumplig. A Shanghai ho frequentato una lezione di cucina in una scuola piuttosto caratteristica, il cuoco al grido di “You can make it” ha cercato di farci preparare ravioli dalle forme fantasiose, ma la mia scarsissima manualità  mi ha portato a produrre solo pesci deformi e farfalle senza ali. Frustrata da questa esperienza non avevo più pensato ai ravioli cinesi finché non è iniziata la mia ossessione per la cucina al vapore.

IMG_1843

Scuola di cucina a Shanghai

IMG_8280

I ravioli fatti dagli altri partecipanti

La ricetta che vi propongo è stata presa da qui dopo aver confrontato un po’ di blog. Ho provato a farla anche in versione vegetariana e non è male, anche se una piccola percentuale di carne aiuta sicuramente a dare sapore.

Ingredienti (30 ravioli circa)

per la pasta

200 gr di farina
100 ml di acqua calda
1 cucchiaio di olio
un pizzico di sale

per il ripieno

100/200 gr di carne macinata di maiale (se diminuite la carne aumentate le verdure)
una carota
un porro
un cipollotto
6 foglie di verza + 4 per la cottura
2/3 cucchiai di salsa di soia (meno carne sarà prensente nell’impasto, più salsa di soia andrà aggiunta)
zenzero grattugiato

Procedimento

Preparare la sfoglia amangamando gli ingredienti a mano o con un robot da cucina (nel kenwood usare il gancio). Far riposare almeno 30 minuti in frigo avvolta nella pellicola.

Frullare nel mixer gli ingredienti per il ripieno: tritare prima le verdure, poi aggiungere la carne, lo zenzero e infine la salsa di soia. Lasciare riposare per 30 minuti.

Preparare i ravioli stendendo la pasta con l’imperia e facendo dei dischetti con un coppapasta di 8cm di diametro. Riempire con il ripieno e, inumidendo il bordo, sigillare bene a mezzaluna pizzicando con le dita. Disporre i ravioli distanziati tra loro sulle foglie di verza e cuocere in una vaporiera per 20 minuti. I ravioli sono pronti quando la pasta è translucida.

Servire con salsa di soia.

Note

  • La pasta può essere stessa a mano ma deve essere molto sottile. Nell’imperia uso l’ultima o la penultima gradazione.
  • Il ripieno può essere cambiato a seconda dei gusti, non è necessario usare tutti gli ingredienti e la quantità di salsa di soia va aggiustata a seconda del grado di sapidità degli ingredienti scelti.
  • Consiglio di preparare una dose abbondante di pasta ma di stenderne poca alla volta lasciando la rimanente in frigo. Non avendo uova secca in fretta, i ravioli vanno preparati poco dopo aver steso la pasta.
  • Per lo stesso motivo infarinare bene i dischi prima di sovrapporli.
  • Se vi avanza del ripieno, potete fare delle polpettine al vapore. Fatele piccole in modo che la cottura sia rapida.
  • Se avanza della pasta può essere congelata e usata per fare delle pappardelle leggere
IMG_2700

Un avanzo di sfoglia che è diventato pasta al pesto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...