La pasta delle 15:30 (una scusa per parlare del soffritto)

20140210-233513.jpg

Se alle 15:30 ancora non si è pranzato, la voglia di fare più di una pasta proprio non c’è. In questi casi anche il sugo di pomodoro fresco sembra troppo faticoso e si cede alla passata. Poco male, l’importante è non sbagliare il soffritto: il segreto è mettere sale, cipolle e olio a inizio cottura. Il sale è importantissimo perché le cipolle devono dare l’acqua.

Ingredienti (per due piatti abbondanti)

250 gr di penne integrali
1 pugno di sale grosso
1/2 bottiglia di passata ( per me, da quando l’ho scoperta, “La Torrente”)
1 cipolla rossa
Olive e capperi a piacere
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di sale
1 pizzico di zucchero

Procedimento

Tagliare la cipolla a fettine e metterla in un pentolino con sale e olio. Accendere il fuoco bassissimo e lasciare che la cipolla perda tutta l’acqua. L’olio diventerà torbido e solo quando sarà di nuovo limpido il soffritto sarà pronto. Potrebbero volerci vari minuti, probabilmente più di quanti pensiate. Aggiungere la passata, le olive e i capperi e scaldare per 5 minuti. Nel frattempo cuocere la pasta. Condire con il sugo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...